Cosa cercavo?


In realtà,

il gioco

dell’Osservare,

è stato

fatto.

Non ho fotografato,

come immaginavo.

Scrivo,

ora.

Lo sapevi.


Non c’era il mare.

Non era il corpo nudo.


L’immagine

che ho in testa

parla

d’altro.


Parla dei tuoi occhi,

che si illuminano

quando guardano

le foto.

Parla del tuo sorriso,

che si accende

per le cose

che ti piacciono.

Parla della tua voce,

che ti racconta.

Parla delle risate,

per la tua spontaneità.


Ecco cosa cercavo.


Vederti,

tra uno scatto

e l’altro.


Per quanto sia difficile

raggiungerti,

per quante volte

ti abbia visto

e fotografato,

mi mancava

ancora

una cosa.


Nell’Osservare,

Cercavo Te.



© IGOR CADAU 2019

Riproduzione riservata