IMAGO TEMPO

2020

"Quella volta che, conobbi l'isolamento".

echeggia 

ancora

nelle mie orecchie

il suono 

del silenzio.

nonostante

fossimo 

nella medesima stanza,

il vento,

con il suo incessante rumore

pervadeva lo spazio.

la paura della vicinanza,

creò barriere

inconfutabili 

da scrutare.

nulla fu perfetto.

solo speranza

di ritrovarsi,

nell’unica cosa 

che ancora ci faceva

percepire

Vivi.

 

"Questi scatti sono stati prodotti quando, nel nostro Paese, era appena finito il lockdown. Quando furono realizzati, avevo voglia di ricominciare. Avevo voglia di libertà. Chiamai le persone a me care, quelle con cui condividevo il gioco della Fotografia. Non avevamo un’idea precisa da seguire. Avevamo solo l’esigenza di stare ancora una volta nella stessa stanza, respirare la medesima aria. Per due anni le Immagini sono rimaste sepolte nello strumento fotografico. Solo ora ho avuto il coraggio di dissotterrarle. Nel guardarle, provo ancora i brividi e quella sensazione di vuoto. Questa è la Memoria. Questa è la consapevolezza che, prima di essere Fotografo, sono Persona. E in quanto tale, posso provare Emozioni".